Cliente

Comune di San Donà di Piave

Periodo

Settembre 2015
Marzo 2016

linea di finanziamento

URBACT Programme

servizio

Comunicazione (communication manager), stesura Piano d’Azione Locale

Descrizione Progetto

I centri delle piccole città offrono spazi potenzialmente attrattivi non solamente a scopo turistico, ma anche per vivere e lavorare. La gente vi passa gran parte del proprio tempo libero e spesso si creano delle connessioni emotive con tali luoghi.  Nelle epoche passate, i nuclei di popolazione dipendevano dai propri centri cittadini per lavorare, tessere relazioni sociali e per realizzare attività commerciali. Oggi, grazie ad una accresciuta mobilità, i centri delle città devono affrontare numerose sfide chiave per sopravvivere e contare come un tempo. Il trend appena descritto è accentuato dal fatto che i centri città si sono spesso deteriorati con il passare dei secoli. In particolare, i piccoli paesi localizzati nelle vicinanze di grandi attrattori (metropoli, centri turistici, etc…) o situati in aree di confine con paesi più avanzati, si trovano a dover affrontare sfide molto specifiche, che li accomunano.

I Comuni dunque si trovano in prima linea nella battaglia per la rivitalizzazione delle proprie città. Questa sfida comprende il riesame degli spazi disponibili nei centri storici per nuove forme di commercio al dettaglio (ad esempio, omni-channel shopping), per insediamenti di nuove attività produttive (ad esempio start-ups e incubatori di innovazione) e per la cultura (ad esempio aree creative), al fine di nutrire un ambiente in grado di generare ecosistemi creativi, iniziative legate agli spazi e eventi di comunità.

L’obiettivo generale del progetto CityCentreDoctor è quello di favorire la creazione di iniziative creative e legate alla città in grado di stimolare il cambiamento e l’innovazione nei centri storici delle piccole città situate all’ombra di città più grandi o metropoli, affrontando aspetti specifici in materia di settori chiave (vendita, commercio, lavoro e cultura creativa) e di processi di governance (partecipazione, collaborazione pubblico privato, etc…).